Il cielo nel lockdown

Cantiere poesia

Di questa primavera rigogliosa
tanto patita eppur sì vera e rosa
con meraviglia ho osservato i cieli
di lancinanti azzurri senza veli,
di stelle mai così tanto brillanti
ed incorrotte da sembrar diamanti,
d’incredibili lune lattescenti
quiete offerenti ai nostri cuor degenti.
Deliziato mi hanno ali fra fiori
in canti e voli e rumorosi amori,
nel silenzio la musica del mare
e dei pioppi l’amato sussurrare.
Nei rossi tramonti ho ritrovato

l’afflato di un sognar dimenticato
di una realtà lontana e giovanile
ricolma d’armonia e non ostile.
Ora mi è imposto solo l’avvenire,
è stato poco il tempo per capire
quante promesse c’erano in quel cielo,
e quanto rimpianto or nel cuore celo.

Alberto Baroni

View original post

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.